venerdì 17 gennaio 2014

Sas tiliccas e sas Cogones de Sant'Antoni

La festa di Sant’Antonio abate è molto sentita in tutta l’Italia compresa la Sardegna .  Vi racconto la festa del paese dei miei genitori Bono. 
i festeggiamenti in onore di Sant’Antonio iniziano il 16 gennaio. Circa un mese prima della festa , un presidente designato e un comitato organizzatore si occupa di reperire il legname e quanto necessario per su "Fagarone" (il falò) che verrà acceso dopo i vespri del 16 gennaio sul sagrato della chiesetta di Sant’Antonio.

Alle 5 del pomeriggio ci si raduna in chiesa per recitare i vespri, al termine dei quali il sacerdote benedice il falò con l'acqua santa. Tutti i presenti  girano intorno al falò compiendo tre in senso orario e tre in senso antiorario. Le donne tengono in mano i cesti pieni di dolci e li offrono a tutti i presenti, così come gli uomini fatto altrettanto con il vino.
A Nuoro invece si offre oltre ai dolci ed al vino anche sa “fave e lardu” una prelibatezza ipercalorica, accompagnata con il pane carasau ammollato con il brodo di questa zuppa.
Veniamo ai dolci sia "sas tiliccas" che sas  Cogones de Sant'Antoni  sono preparate allo stesso modo con i medesimi ingredienti e cioè  con "su pistiddu", un ripieno di mosto cotto a cui si aggiungono aromi ricavati dalla scorza di arance, limone grattugiato e un po' di semola.


 La pasta viene chiamata  "pasta violada" preparata con farina 00, acqua, un pizzico di sale e strutto per renderla morbida." Sas cogones",invece  sono formate da una sfoglia di forma circolare.




Queste sono decorate finemente  con la pasta tagliata in modo tale da rappresentare spighe di grano, fiori, foglie, grappoli d'uva e altri simboli religiosi (calice). Le decorazioni vengono realizzate utilizzando la punta sottile di un temperino e rotelle per il taglio della pasta.




http://www.sanmichelearcangelobono.it/falo/il_falo.htm